TdT

BIOGRAFIA


"L’innovazione consisterà nel riprendere l’antico, incrementandone la forza espressiva e producendo nuova bellezza."


I Tamburellisti di Torrepaduli (TdT) sono tra i più amati ed apprezzati musicisti della tradizione pugliese.
Nel 1990 Pierpaolo De Giorgi e il depositario Amedeo De Rosa fondano il gruppo che ha rivalutato per primo la pizzica, cioè la musica della taranta, che da secoli la tradizione popolare del Salento utilizza come terapia, rielaborandola in senso progressivo, ma nel rispetto profondo della tradizione.
Hanno inciso numerosi album che hanno incontrato grande favore nel pubblico e segnato una decisa svolta nella musica popolare pugliese e italiana, tra i quali lo storico “Fantastica pizzica” del 1991, “Pizzica e Trance” del 1995, “Pizzica & Rinascita”, che ha venduto in più di ventimila copie nel 2000, “Il tempo della taranta: pizzica d’autore” del 2003, “Pizzica grica: To palèo cerò” del 2006, molto noto in Grecia, “Taranta Taranta” del 2009, “La via della taranta” del 2013, che contiene anche una pizzica in inglese, e “La grande pizzica” del 2017.

Hanno sempre sorpreso tutti con il virtuosismo delle percussioni, con le tecniche vorticose della danza e con i contenuti artistici e poetici delle loro canzoni. Gli esaltanti ritmi dionisiaci della loro musica e della loro danza, l’ormai celebre pizzica, straordinaria eredità della Magna Grecia e della tradizione pugliese, infiammano le folle in una travolgente partecipazione collettiva.

Durante una ricerca del 1989, lo studioso Pierpaolo De Giorgi incontra il depositario Amedeo De Rosa. Nel 1990 i due, assieme ad un nutrito drappello di giovani danzatori e percussionisti, fondano lo storico gruppo dapprima denominato “Pierpaolo De Giorgi e i Tamburellisti di Torrepaduli”.

Nel corso dei primi anni Novanta i Tamburellisti di Torrepaduli, con i loro concerti inediti e pionieristici, divengono i protagonisti della riaffermazione della dimenticata pizzica pizzica, musica e danza attorno a cui in passato gravitavano i valori universali del culto di Dioniso e della Madre Terra. Dai testi, dai ritmi, dalle danze del gruppo si può notare un grande rispetto per questa cultura popolare, che viene utilizzata a tutto campo ma non ripetuta in forma banale o pittoresca, in osservanza dei precetti del grande musicista ed esperto Béla Viktor János Bartók.

I Tamburellisti di Torrepaduli, che nei concerti dal vivo offrono il meglio di sé stessi, spesso scrivono nuove melodie e nuovi testi poetici e rielaborano o reinventano musiche, testi e danze in senso progressivo. Ma la tradizione, con i suoi materiali musicali, ritmici e coreutici, è regina in tutto il suo splendore. Gioca un ruolo primario il tamburello salentino “a cornice”, suonato virtuosamente, che offre un emozionante ritmo incrociato. Il gruppo riprende la musica che guarisce i “tarantati” (i “morsicati” dal mitico ragno taranta) dalla malinconia e si ispira alle grandiose tradizioni del tamburello e della danza-scherma di Torrepaduli (Ruffano-Lecce), dove ogni anno, il 15 agosto, rivive una cultura antichissima legata al Santuario di San Rocco. Il successo dei Tamburellisti, alla fine, contribuisce persino alla nuova vertiginosa crescita della “Festa di San Rocco”.

I Tamburellisti di Torrepaduli vantano la collaborazione di Paolo Pellegrino, docente di estetica dell’Università degli Studi di Lecce, del grande poeta greco Nikos Bletas Dukaris, di Antonio Anchora, ambasciatore dell’ellenismo nel mondo nominato direttamente dal governo greco e dell’influente Dr. Ioannis Koutsandreas. Recuperano anche il grico della cosiddetta Grecìa salentina, lingua sopravvissuta dopo la colonizzazione magnogreca e la dominazione bizantina, cantandone alcuni brani significativi e scrivendone di nuovi.

Nel 1996 Jenny De Yong, regista della famosa BBC, riprende i Tamburellisti di Torrepaduli a Galatina.

Il Festival de "La Notte della Taranta", nato nel 1998, li ospita già dal primo anno.

Nel 2000 esce lo storico cd “Pizzica & Rinascita”, abbinato al noto quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno, desta l’entusiastico interesse di Pippo Baudo, di Albano e di tante altre personalità del mondo dello spettacolo.

In “Taranta Taranta” è ospite Cinzia Corrado, vincitrice di un Festival di Sanremo, che canta un brano. Il disco, prodotto dalla Italian World Music e da Irma Records di Bologna, viene diffuso a livello nazionale: è la prima volta che ciò accade per la pizzica pizzica.

I Tamburellisti suonano in tutto il mondo: in Grecia, Albania, Germania, Montenegro, Austria, Svizzera, Ungheria, Canada, Polonia, Australia e nella Cina di Taiwan. Sulle loro musiche ballano compagnie di ballerini greci e persino i Pellerossa del Dakota. Numerose televisioni e radio, italiane e straniere come Rai 1, Rai 2, Rai 3, BBC, Ert, Chin TV, Rete 4, TeleNorba, emittenti televisive e radiofoniche di Svezia, Montenegro, Albania, Ungheria, Grecia, Repubblica Ceca e tante altre locali diffondono le loro esibizioni. A Rete 4 ottengono quattro milioni di spettatori nel programma di Albano “Una voce nel sole”, che viene replicato almeno tre volte. Particolare successo incontrano ripetutamente in molte trasmissioni della Rai, come “Occhio al biglietto”, “Uno mattina”, “Sereno Variabile”, “Tg 1 Persone”.

Suonano nelle Università di Lecce, di Bologna e di Atene, in luoghi storici tra cui Piazza San Carlo a Torino, Piazza San Marco a Venezia, il Lago di Como, Corso Vannucci a Perugia, Piazza del Popolo di Ascoli, Piazza del Popolo di Pesaro, la Fortezza dell’Albornoz di Urbino, il Palazzo Ducale di Genova, la Galleria Umberto I a Milano, Palazzo Strozzi a Firenze, il Maschio Angioino di Napoli, nei porti di Corinto, Brindisi, Taranto, Gallipoli e nel porto antico di Genova, come pure a Toronto, a Sidney, a Borkum, alla Kulturhuset di Stoccolma e in numerose località di tutta l’isola di Taiwan, del Montenegro e di quasi tutta la Grecia.

Nel 2019 si esibiscono nel celebre “Cortile della Pigna” dei Giardini del Vaticano ed in moltissimi teatri prestigiosi, oltre ovviamente ai principali grossi club di tutta Italia ("Fuori Orario" di Reggio Emilia, "Flog" di Firenze, "Estragon" di Bologna, …).

I Tamburellisti sono presenti anche in televisione e nel cinema, ad esempio nel cast degli sceneggiati “Il Giudice Mastrangelo di Oldoini” ed “Elisa di Rivombrosa”, del film “Non ti voltare” con Monica Bellucci e del film “Trappola d’autore” con Angela Molina, regia di Franco Salvia.

Inaugurano, a partire dal 2013 la “Crociera della Pizzica” di MSC Crociere, che ospiterà a bordo Sud Sound System, Après La Classe, Cirque du Soleil, e vi suonano per otto anni consecutivi.

Ad agosto 2020 affidano ad ARTEN il management del progetto TdT, ed a dicembre 2020 viene pubblicato da XO Publishing il nuovo album “La via dell’armonia: pizzica d’autore”, prodotto da Tamburellisti di Torrepaduli ed ARTEN con il sostegno di Puglia Sounds.

PIERPAOLO DE GIORGI


Pierpaolo De Giorgi, cantante, chitarrista, etnomusicologo, poeta, laureato a Perugia in Filosofia (Estetica).
È lui a fondare nel 1990 lo storico gruppo dapprima denominato “Pierpaolo De Giorgi e i Tamburellisti di Torrepaduli”, assieme ad un nutrito drappello di giovani danzatori e percussionisti ed al depositario Amedeo De Rosa, incontrato l'anno prima durante una ricerca.
Così rigoroso negli studi, così libero come artista, con le sue raffinate doti vocali, offre interpretazioni di grande intensità. Negli anni '80 è il primo a intuire le possibilità della pizzica pizzica ed a cantarla come solista.
Dall'84 in poi insegna canti e musiche tradizionali del Salento in varie scuole statali. Tiene concerti ovunque, provocando in pochi anni una vera e propria rinascita della pizzica. Studia anche l’etnomusicologia della “Grecìa salentina”, rivalutando i brani in "Grico". Come studioso ha tradotto in italiano il saggio di Marius Schneider "La danza delle spade e la tarantella" e ha scritto molti volumi di etnomusicologia ed estetica, risolvendo il mistero del tarantismo e analizzando gli errori della vecchia interpretazione di Ernesto De Martino. Il volume più recente è "La pizzica, la taranta e il vino: il pensiero armonico" [Congedo 2010], dove propone scoperte e novità etnomusicologiche, estetiche e filosofiche.
Responsabile del Centro Studi e Ricerche “Terra e Mare” della Regione Puglia e del Comune di Lecce, collabora con la Cattedra di Estetica di Paolo Pellegrino dell’Università del Salento. Tiene ovunque conferenze e lezioni di etnomusicologia e di estetica.

...

DONATO NUZZO


...

Donato Nuzzo, polistrumentista "totale" e direttore artistico del nuovo disco "La via dell'armonia: pizzica d'autore". Entra a far parte dei TdT nel 1995, come arrangiatore.
Seminarista nella formazione classica e insegnante per passione e vocazione, innamorato della tradizione popolare salentina e custode dei valori della pizzica suonata e danzata durante la notte di San Rocco a Torrepaduli.
Come tamburellista è in grado di sezionare il tempo base e di utilizzarne i vari elementi ottenendo una nuova forma di ritmo di pizzica, chiamata “tamburello o ritmo progressivo”, a metà tra tradizionali e innovativi, in grado di emozionare ed entusiasmare l'ascoltatore. La sua fisarmonica, liberata dalle melodie canoniche, incardina la tradizione della pizzica in nuove ed intriganti espressioni.
Ha partecipato ad importanti manifestazioni, tra cui il “Premio Barocco”, dove ha suonato per il celebre ballerino Joaquin Cortez, “La Notte della Taranta”, “Taranta virus”, >“TIM Tour”.
Il tamburello della fiction "Elisa di Rivombrosa" e la fisarmonica nei film “Non ti voltare” di Marina De Vlan e “Trappola d’autore” di Franco Salvia sono i suoi. Ha accompagnato Al Bano, Antonello Venditti, Patty Pravo, Lucio Dalla, Gianna Nannini.
Nel dicembre del 2000 ha creato una vera e propria "Scuola di tamburello, altamente professionale alla quale TV SAT 2000 ha dedicato un servizio speciale.

ROCCO "LUCA" FRISULLO


Rocco Frisullo , detto “Luca”, suonatore ed insegnante, artigiano e costruttore di tamburelli. Nato a Torrepaduli nella notte del 15 agosto 1968, cioè proprio durante la tradizionale Notte di San Rocco, è dunque un "predestinato".
Tra i fondatori dei TdT, attento difensore della tradizione popolare della "Festa di San Rocco", custodisce le tecniche antiche del tamburello, delle quali è uno dei migliori interpreti e conoscitori. Partendo rigorosamente dalla tradizione crea nuovi ritmi, esprimendosi liberamente e con grande sicurezza.
La storia musicale di Rocco si sviluppa anche su un personale percorso di collaborazioni artistiche e discografiche con gruppi salentini e nazionali. Una delle tante collaborazioni è quella con i NegramaroOfficial a San Siro, nel maggio 2008. I suoi virtuosismi ritmici si sono adattati anche alle musiche più disparate, come quelle di Patrizia Bulgari, dei NididArac, degli Erva. Nel 2006 si è esibito in una personale performance con Tony Esposito. Ha suonato il tamburello nei film “Non ti voltare” di Marina De Vlan e “Trappola d’autore” di Franco Salvia. Ha accompagnato Al Bano, Antonello Venditti, Patty Pravo, Lucio Dalla, Gianna Nannini.
Rocco è anche un abile costruttore di tamburelli.
Nel 1994 ha creato la "La bottega del tamburello di Torrepaduli", dove produce tamburi a cornice artigianali, particolarmente apprezzati dai percussionisti e distribuiti nei negozi musicali di tutta Italia. Unico costruttore di tamburelli del Sud Italia ufficialmente riconosciuto dalla Camera di Commercio, Rocco insegna questa arte antica, fatta di maestria e di passione, tenendo laboratori ovunque.

...

GIOELE NUZZO


...

Gioele Nuzzo, "il presente e il futuro" dei TdT, giovanissimo e abilissimo percussionista, didgeridoista, produttore, tecnico del suono.
La sua duttilità artistica, che nonostante l'età gli ha permesso numerose collaborazioni nei più svariati campi performativi, apprendendo e sperimentando le molteplici forme espressive, lo connota come l'elemento di maggior "innovazione" nel progetto TdT. Al contempo la sua infinita sensibilità umana garantisce il rispetto della tradizione e dei valori più autentici della band.
È un virtuoso del tamburello tradizionale, che ha imparato dal padre Donato Nuzzo, ma è anche un pregevole suonatore di cajòn, idiofono a percussione (originario dell’America Latina), piatti, didgeridoo (strumento a fiato ad ancia labiale tipico degli aborigeni australiani); relativamente a quest'ultimo strumento, Gioele ha imparato ad utilizzare le antiche tecniche mistiche della "respirazione circolare", che consistono nell’espirare e nel prendere aria contemporaneamente, ottenendo un suono costante e cadenzato di grande intensità emotiva.
Nella "Notte della Taranta 2020" accompagna con il suo didgeridoo Gianna Nannini.
Personaggio carismatico e affascinante, riesce ad entusiasmare, durante i live, il pubblico acclamante, reinterpretando liberamente la cellula ritmico-melodica della pizzica pizzica, introducendo strumenti che provengono da altre etnie ma che hanno ugualmente natura terapeutica, producendo suoni che partono dall'anima per creare atmosfere trance, in cui riecheggia il suo percorso elettronico. Con Gioele la pizzica pizzica non tradisce il suo antico scopo di costruire un cosmo musicale frenetico e dinamico, ma in pari tempo ordinato, di dare gioia e di fornire armonia a chi ne ha bisogno.

MICHELE WILDE


Michele Wilde, violinista, chitarrista, cantautore, compositore, altro "Enfant Terrible" dei TdT. La sua abilità al violino l'ha fatto apprezzare da subito dai membri storici della band, le sue altre qualità gli hanno garantito una stima ed una fiducia importanti.
Michele infatti è un'interessante penna, studia composizione presso il Conservatorio di Lecce, ha studiato lettere classiche presso l'Università del Salento ed ha già maturato una discreta esperienza nel campo del teatro sperimentale, come regista.
In virtù di questa sua sensibilità e visione organica del prodotto artistico, i Tamburellisti gli hanno affidato la composizione di alcuni brani strumentali, che ritroverete nel disco "La via dell'armonia: pizzica d'autore", ed una sedia in sala regia, al fianco di Gioele Nuzzo, durante le operazioni di missaggio e mastering dello stesso.
Un'entusiasmante scoperta per chi ancora non l'avesse conosciuto...

...